2010 – Cremano Unplugged

cremano unplugged

Il 29 Maggio 2010 i Litografi Vesuviani sono stati ospiti della terza edizione del Cremano Unplugged. Una stupenda cornice di pubblico e la benedizione della funambolica chitarra di Ricky Portera hanno incoronato gli Inner City Affair come vincitori della finale. All’interno delle storiche fonderie di Villa Bruno, dove nell’Ottocento vennero forgiati i cavalli di bronzo che oggi dominano la piazza del Plebiscito, luogo simbolo di Napoli, è risuonato così per oltre due ore lo spirito della musica pop rock.

Il meglio del panorama di artisti emergenti dell’underground napoletano, rappresentato dai nove finalisti scelti ad alternarsi sul suggestivo palco rigorosamente dal vivo, si è dato battaglia a colpi di note rimettendosi al giudizio di una giuria tecnica composta da artisti, compositori e produttori del calibro di Gianni Guarracino, Luca Gianquitto, Eddy Fiorito, Alberto Piccolo e Francesco Barbato e lo stesso Portera.

Il chitarrista messinese ex Stadio, storica spalla di Lucio Dalla, ha quindi menato le danze di un gran finale. Ispirato dai suoni eterogenei delle band in gara, con «Impressioni di Settembre», un omaggio alla Premiata Forneria Marconi prima e una personalissima versione di «Little Wing», tributo a Jimi Hendrix dopo, uno degli ultimi guitar hero italiani ha lasciato spazio alla cerimonia di premiazione.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *